5 Curiosità da sapere su Valencia


I miei viaggi, Spagna / sabato, Giugno 13th, 2020

Ho vissuto a Valencia per un breve periodo della mia vita, all’incirca 6 mesi. Ero li per il Progetto Leonardo, insieme ad un gruppo incredibile di persone, provenienti dalla Campania e altre Regioni d’Italia. Ed è lì che ho lasciato un pezzetto, bello grosso, del mio cuore.

PERCHE’ VISITARE VALENCIA?

Valencia è una città che ti entra dentro lentamente. Non è una città da grandi pretese. Non è una metropoli multiculturale come Madrid o Barcellona, sebbene sia la terza città della Spagna per numero di abitanti. Non ha i colori e i profumi andalusi. Non ha il mare azzurro e trasparente come quello delle regioni a nord della Spagna o delle isole Baleari. Ma ha la paella, l’originale, le impressionanti opere architettoniche di Santiago Calatrava, come la bellissima e funzionale Ciudad de las Artes y de las Ciencias, e il circuito cittadino di Formula 1. Dite sia poco?! Beh, allora continuate a leggere.

Ponte di Calatrava presso la Metro di Alameda, nei Giardini del Turia, Valencia
Pont de l’Exposició di Caltrava – Metro Alameda, Valencia

UN ITINERARIO CHE VI STUPIRÀ

Il classico itinerario di un turista di passaggio a Valencia è sicuramente caratterizzato dalla visita del centro storico, e quindi de La Estación del Norte, Plaza de Toros, Plaza del Ayuntamiento e i suoi edifici modernisti come quello di Correos (sede centrale delle Poste), El Mercado Central, la Lonja de la Seda, Plaza de la Reina con Cattedrale e Miguelete, Plaza de la Virgen, il Barrio del Carmen e a seguire, dalla visita a la Ciudad de las Artes y de las Ciencias.

E in fondo è l’itinerario che consiglierei anche io di fare a chi volesse partire per scoprire questa città, ma alla stessa persona consiglierei di non “soffermarsi” solo dinanzi agli edifici e le piazze. Piuttosto di avere uno sguardo più attento per non perdersi rarità che potrebbero sfuggire.

5 CURIOSITÀ CHE POTRESTE INCONTRARVI PASSEGGIANDO PER VALENCIA

1 – I MOSAICI DE LA ESTACIÓN DEL NORTE

La stazione dei treni di Valencia (la Estación del Norte) possiede un’imponente facciata di colore giallo ocra e tutti si soffermano a guardarla o a fare una foto. Ma non tutti sanno che al suo interno, la Estación del Norte possiede decorazioni importanti: ceramiche dai colori brillanti, mosaici e pitture che raffigurano donne vestite con abiti tradizionali, ghirlande di arance e altri prodotti agricoli regionali. E ancora, la frase “Buon viaggio”, tradotta in diverse lingue, incastonata in svariati mosaici.

Mosaici nella Stazione di treni di Valencia
Mosaici all’interno della stazione di Valencia

2 – SALITA ALLA TORRE DEL MIGUELETE

Una vera e propria sfida è quella di salire in cima al Campanile della Cattedrale di Valencia, situata a Plaza della Reina. Se riuscite a superare la scala a chiocciola da capogiro con 207 faticosi gradini, avrete la possibilità di godere di una vista meravigliosa della città. Una distesa di edifici apparentemente disordinati e sullo sfondo, da un lato la pianura, dall’altro il mare con il riconoscibilissimo Puente de Calatrava!

Vista dalla Torre della Cattedrale di Valencia
Vista dalla Torre del Miguelete di Valencia.

3 – IL SANTO GRAAL

Sapevate che la Cattedrale di Valencia custodisce il Santo Graal?

Ebbene si. Pare che il famoso calice utilizzato da Gesù durante l’ultima cena, dopo tanto peregrinare, sia arrivato a Valencia intorno al 1400, ed oggi è custodito nella Cappella del Santo Calice.

L’ingresso alla Cappella costa 3€. Il biglietto include l’accesso anche alla Torre del Miguelete.

4 – BIZZARRI GARGOYLES (garguglie)  

Alzando lo sguardo, potreste accorgevi che bizzarri gargoyles spuntano dai tetti di alcuni monumenti, torri e chiese.

I gargoyles di Calle Micalet e Plaza del Almoina sono i più comprensibili, perché riconducibili alla religione. Starebbero, infatti, li a rappresentare gli atti impuri e proibiti all’uomo.
Mentre i più strani si trovano presso la Lonja de la Seda (antico mercato della seta). Le curiose e stravaganti sculture raffigurate qua e là sulla facciata e all’interno dell’edificio sono davvero difficili da decifrare.

Gargoyles del Puente del Reino de Valencia
Gargoyles del Puente del Reino de Valencia

5 – LA FACCIATA PIÙ PICCOLA D’EUROPA

A Plaza Lope de Vega, a poca distanza dalla Lonja, si trova la “finca más estrecha de Europa”, ossia un edificio con una facciata che misura solo 107 centimetri di lunghezza!!! Imperdibile!

Insegna de La Estrecha: l'edificio piú piccola d'Europa
Insegna simpatica del bar accanto alla facciata piú piccola d’Europa

0

3 Commenti a “5 Curiosità da sapere su Valencia”

  1. Ho in mente di andare a Valencia da quando Ryan Air ha aperto una tratta da Torino, che però in questo periodo non so se sia attiva. E se non tornerà a breve, appena le cose si saranno normalizzate, ci andrò in macchina perché è una città che mi ispira tantissimo. Sapevo della paella e questo è uno dei motivi che mi spinge ad andarci, ma per esempio non sapevo del Santo Graal!

    0
  2. Adesso che ho letto il tuo articolo non vedo l’ora di prendere un aereo e partire! L’architettura di Calatrava e la paella originale i principali motivi, ma tu me ne hai dati degli altri!! Grazie!?

    0
    1. Grazie a te per aver letto l’articolo. Mi piace dare sempre una visione originale dei posti che visito. Spero tu piaccia tanto ?

      0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.